Nursing Up su festivi infrasettimanali

All’Assessore Regionale alla Sanità

Al Direttore Generale Ats

Al Direttore Amministrativo Ats

Al Direttore del Personale Ats

Ai Direttori Aree Socio Sanitarie

Al Direttore Generale AOU Sassari

Al Direttore Amministrativo AOU Sassari

e  p.c. Al Presidente del Consiglio Regionale

Al Presidente della Commissione Sanità

Ai Capogruppo  Consiglio Regionale 

 

Oggetto: indennità festive infrasettimanali.

A distanza di 3 mesi dalla precedente lettera inviata ai vertici ATS e alle rappresentanze politiche della regione Sardegna , siamo spiacenti di constatare che come organizzazione sindacale non solo non abbiamo ottenuto alcuna risposta ma – anzi- la problematica del mancato pagamento delle indennità per i festivi infrasettimanali si sia estesa a macchia d’olio anche alle aziende ospedaliero universitarie come quella di Sassari.

In un periodo nel quale i professionisti sanitari vivono sulla loro pelle i tagli, la mancanza di posti letto e il malcontento dell’utenza, ecco che loro stessi rientrano tra le voci della spesa sanitaria da sacrificare.

Parliamo di palesi forzature della normativa poiché è chiaro a tutti che il parere ARAN 1795 del 7 agosto 2015 addotto dalle direzioni aziendali a sostegno del mancato pagamento del compenso per lavoro straordinario (o all’equivalente riposo compensativo) non si riferisca al personale del comparto sanità bensì a quello del comparto Regioni, Enti e Autonomie locali.

La fondatezza della nostra richiesta, ovvero del pagamento delle indennità come avvenuto fino ad ora, è da individuarsi nelle disposizioni contrattuali appositamente taciute, ovvero:

L’Art. 44, comma 12 – CCNL – Area Comparto Sanità del 01.09.1995 che cita testualmente: “Per il servizio di turno prestato per il giorno festivo compete un’indennità di L. 30.000 lorde se le prestazioni fornite sono di durata superiore alla metà dell’orario di turno, ridotta a L. 15.000 lorde se le prestazioni sono di durata pari o inferiore alla metà dell’orario anzidetto, con un minimo di 2 ore. Nell’arco delle 24 ore del giorno festivo non può essere corrisposta a ciascun dipendente più di un’indennità festiva”;

l’Art. 9, comma 1 – CCNL – Area Comparto Sanità del 20.09.2001 che riporta in aggiunta: “Ad integrazione di quanto previsto dall’ art. 20 del CCNL 1 settembre 1995 e 34 del CCNL 7 aprile 1999, l’attività prestata in giorno festivo infrasettimanale dà titolo, a richiesta del dipendente da effettuarsi entro trenta giorni, a equivalente riposo compensativo o alla corresponsione del compenso per lavoro straordinario con la maggiorazione prevista per il lavoro straordinario festivo”.

Tali disposizioni contrattuali sono state arbitrariamente trascurate dall’ ARAN che raffrontandole con alcune sentenze della corte di Cassazione come, ad esempio, la n. 14308 del 19.06.2014, ha escluso, di fatto, l’ipotesi di cumulo delle due indennità (di turno e per l’attività prestata nel giorno festivo) relativamente ai contratti del personale del comparto delle Regioni e delle Autonomie Locali.

Nostro malgrado, le aziende sarde hanno recepito tale direttiva senza il dovuto senso critico che l’occasione avrebbe meritato, riducendo l’intera faccenda all’ennesimo taglio inflitto ai lavoratori.

Assistiamo dunque impotenti alla mortificazione del personale turnista e alla sua demotivazione che apre innanzi a noi scenari preoccupanti di fuga dai turni.

Ciò che ci inquieta, inoltre, è l’assenza di risposte alla nostra azione, quasi a voler privare i turnisti non solo dei diritti sanciti contrattualmente ma anche di una comunicazione efficace tra i lavoratori e le aziende.

Riteniamo che queste ultime, in particolar modo quelle sarde che hanno affrontato cambiamenti epocali, si reggano anche grazie al lavoro e allo spirito di abnegazione che muove i professionisti sanitari, i quali svolgono il proprio servizio anche nei giorni festivi, rinunciando alla propria vita al di fuori degli ospedali e dei luoghi di cura in generale per il bene del cittadino.

E’ auspicabile, dunque, che tali professionisti vengano incentivati e motivati anche economicamente, dal momento che il nuovo CCNL non ha fornito loro l’adeguato riconoscimento in termini di retribuzione.

Ci affidiamo ai vertici ATS e AOU e ai rappresentanti politici della regione Sardegna affinché chiariscano, in maniera legittima, il valore che essi vogliono attribuire al personale, consci del fatto che debba essere pesata con giusta bilancia la vita sociale e familiare di migliaia di professionisti turnisti.

Nessun commento